Regione autonoma Friuli Venezia Giulia

Situazione pazienti in Pronto Soccorso

Emergenza (118)

Il servizio 118

Guarda il video su YouTube
È il servizio di Emergenza Sanitaria che concorre, assieme ai rispettivi sistemi 118 di GO, TS e PN, a formare il “sistema d’emergenza sanitaria territoriale della nostra regione”, comprende la Centrale Operativa 118, le postazioni di soccorso territoriale dell’ambito provinciale, e il servizio di Elisoccorso.

Il 118 è il numero telefonico dedicato a tutte le problematiche di emergenza sanitaria insorgenti sul territorio 24 ore su 24.

Il fine ultimo del servizio è quello di garantire risposte tempestive e qualificate alle problematiche di emergenza sanitaria nel territorio.

Chiamare il 118

Quando chiamare

L’attivazione del 118 è indicata quando si presentano le seguenti situazioni:

  • Grave malore: persona non cosciente, confusa, assopita e non risvegliabile
  • Incidente stradale, domestico, sportivo, sul lavoro, in montagna, in acqua
  • Dolore toracico con affanno e sudorazione
  • Difficoltà respiratorie
  • Ferite e traumi recenti
  • Pallore e sudorazione fredda di lunga durata
  • Ustioni/esplosioni
  • Ogni situazione certa o presunta di pericolo di vita


La Centrale Operativa 118 inoltre può fornire il recapito telefonico di:

  • Guardia medica di competenza per il territorio
  • veterinario reperibile
  • personale reperibile per il Servizio di Igiene

Come chiamare

Il Servizio si attiva, componendo il numero 118, senza prefisso da qualsiasi apparecchio telefonico (rete telefonica fissa, cabina telefonica, cellulare di qualsiasi gestore).

La chiamata è gratuita dai telefoni di rete fissa (casa e cabine pubbliche) e dai telefoni cellulari.

In caso di scheda prepagata esaurita, è opportuno informarsi se il proprio gestore consente comunque la chiamata , poiché alcuni non l’assicurano.

Componendo il numero 118 risponde la Centrale Operativa 118 Provinciale di competenza.

Alla Centrale Operativa possono giungere più telefonate contemporaneamente, ma gli operatori sono solo due, per cui non è possibile trattare più di due telefonate nello stesso momento.
Una voce registrata avvisa che gli operatori sono impegnati con altre chiamate ed al più presto risponderanno: non si deve riagganciare.

Chi risponde

Risponde un infermiere con specifica preparazione, in grado di gestire la comunicazione in situazioni di emergenza, che, attraverso una sequenza codificata di domande mirate, conduce l’interlocutore a fornire tutte le informazioni necessarie a prendere una decisione in merito al tipo di soccorso più appropriato e tempestivo per il problema emerso.

Le informazioni richieste

Alcune informazioni sono indispensabili per programmare operativamente l’intervento:

  • Il numero di telefono da cui viene effettuata la chiamata: serve per richiamare se cade la linea o se sono necessarie ulteriori informazioni
  • Il luogo dell’evento (la frazione, via, numero civico) e i riferimenti per raggiungerlo nel modo più veloce possibile (la viabilità, il nominativo sul campanello, la vicinanza di campi sportivi, fabbriche, chiese, cantieri ecc. che possono essere reperiti facilmente anche dall’elicottero sanitario in volo)
  • Il numero delle persone coinvolte
  • Il problema principale per cui è stata effettuata la chiamata
  • Le condizioni della vittima: parla, respira, presenta ferite, ecc.
È indispensabile mantenere il più possibile la calma e lasciarsi guidare dalle domande dell’operatore.

L’osservanza di alcune precauzioni può facilitare il lavoro degli operatori e accelerare i soccorsi:

  • È importante rispondere a tutte le domande, poiché hanno una finalità precisa e non sono una perdita di tempo
  • È preferibile spendere qualche secondo in più al telefono che rischiare l’invio di un soccorso non adeguato o sul luogo sbagliato.
  • La quasi totalità delle interviste telefoniche effettuate a persone collaboranti si conclude prima di 45 secondi.
  • È importante non riagganciare fino a quando non lo dice l’operatore
  • Il telefono indicato come recapito non deve essere impegnato fino all’arrivo dei soccorsi, potrebbe essere necessario un nuovo contatto per ulteriori notizie
  • È opportuno rimanere sul luogo dell’evento, potrebbe essere necessario fornire altre informazioni o avvisare se la situazione cambia. 

Garanzie

Tutte le telefonate sono registrate e a disposizione, quando richiesto, della Magistratura.

Tutte le notizie e informazioni vengono raccolte al solo fine di valutare con più precisione l’accaduto, identificare il codice di gravità, inviare il soccorso più adeguato, attuare le cure più efficaci ed efficienti.

Il 118 è il numero esclusivo per l’emergenza sanitaria, gli operatori ricordano ai cittadini di non impegnarlo per chiamate non di emergenza.

Chi utilizza per scherzo il 118, può essere perseguito dalla Legge, in quanto mette a repentaglio la vita di chi ha realmente bisogno.

Modalità di intervento

L’infermiere in base alle informazioni ricevute stabilisce il grado di criticità dell’evento segnalato, individua il mezzo di soccorso più adeguato e più vicino da inviare sul posto e coordina i mezzi inviati fino al loro arrivo al Pronto Soccorso di destinazione.
Tutto questo avviene seguendo protocolli internazionali.

 

All’evento viene assegnato un grado di criticità identificato con un codice-colore:

  Codice rosso

Situazione di imminente pericolo di vita.
Viene inviata la massima risposta disponibile (ambulanza e automedica o elicottero sanitario) e i mezzi per raggiungere la persona nel più breve tempo possibile; in questi casi è previsto l’utilizzo di dispositivi acustico - luminosi

  Codice giallo

È una situazione le cui caratteristiche richiedono un intervento indifferibile.
Viene inviata l’ambulanza che attiva i segnali acustico - luminosi e, se necessario, anche l’automedica o l’elicottero sanitario.

  Codice verde

È un intervento che richiede l’invio tempestivo dell’ambulanza, ma non prevede l’utilizzo dei dispositivi acustico-luminosi

  Codice bianco

È un intervento che non riveste carattere di urgenza, può essere differibile e non prevede l’utilizzo dei dispositivi acustici-luminosi.

Mentre un infermiere è al telefono, altri provvedono ad inviare i soccorsi e a comunicare, via radio, tutte le informazioni ricevute all’equipaggio dell’ambulanza.

In alcune circostanze la sopravvivenza della persona soccorsa dipende dalla tempestività dell’intervento, in questi casi l’infermiere della Centrale Operativa fornisce indicazioni a persone che si rendono disponibili (tra quelle presenti sul posto), per un primo aiuto estremamente efficace attraverso manovre che non sono pericolose.

Se necessario l’infermiere farà intervenire anche con la Forza Pubblica, i Vigili del Fuoco, il Soccorso Alpino e la Protezione Civile.

Il trasporto in ospedale

Il personale a bordo delle ambulanze prevede sempre la presenza di soccorritori addestrati. Oltre a loro può esserci anche personale sanitario, medici e infermieri, a seconda della necessità e disponibilità.
Tutto il personale è stato formato adeguatamente per poter affrontare le emergenze sia traumatiche che di tipo medico.

Una volta sul posto vengono stabilizzate le funzioni vitali della vittima e praticati quei trattamenti sanitari che sono indifferibili. Dopo aver valutato e stabilizzato il paziente, l’equipaggio comunica alla Centrale Operativa il codice di gravità e la situazione clinica.

La Centrale Operativa in base alle informazioni ricevute stabilirà la destinazione più adeguata per il problema specifico e, se necessario secondo protocollo, effettuerà gli allertamenti interni dell’ospedale per fare sì che all’arrivo in Pronto Soccorso alla vittima vengano erogate le cure più adeguate.
Equipaggio di ambulanza e personale sanitario dell’ospedale collaborano per garantire continuità delle cure.

Non è consentita la presenza di accompagnatori, se non per i minori, a bordo dell’ambulanza, al fine di permettere all’equipaggio di effettuare agevolmente tutte le attività di cui la persona necessita.

La destinazione delle vittime viene stabilita in base a:

  • criticità, qualora l’infortunato avesse la necessità di un’ulteriore, immediata stabilizzazione, viene accompagnato all’ospedale più vicino;
  • situazione clinica, viene privilegiato l’ospedale che offre i servizi necessari e più idonei al singolo caso
  • salvaguardia dell’integrità dell’intero sistema di soccorso territoriale. È necessario garantire la pronta disponibilità di un mezzo per eventi successivi, pertanto non vengono allontanate le ambulanze dal territorio di competenza.
  • richieste del paziente o familiari per accedere alla struttura preferita, rispettando i precedenti criteri
  • disponibilità posti letto nella struttura richiesta al fine di evitare trasferimenti interospedalieri.
Richieste improprie
Non rivolgerti al 118 per i seguenti problemi!

Problema medico, chirurgico, ortopedico insorto da più di un giorno

Al medico curante per una prima valutazione

Punture d’insetto con reazione locale

Al medico curante

Medicazione e rimozione punti

Al medico curante

Richiesta di ambulanza per ricovero/consulenza non urgente

Enti Privati:

  • Croce Rossa tel. 0432-531531
  • S.O.G.Ittel. 0432-881418
  • Croce Verde tel. 0431-31111
  •  Misericordia tel. 0431-620620

Consulenza medica su farmaci e terapie

  • Medico curante
  • Guardia Medica dalle ore 20.00 alle ore 8.00 dei giorni infrasettimanali, dalle ore 10.00 dei giorni prefestivi e nelle 24 ore dei giorni festivi

Informazioni di natura socio-sanitaria

  • orari ambulatori, visite degenti ecc.
  •  prenotazione visite/esami clinici
  • ufficio informazioni dell’Azienda
  • C.U.P.

Documentazione sanitaria

Direzione Sanitaria

Reclami

U.R.P.

Informazioni sul Servizio 118

Ai Responsabili dalle ore 8.00 alle ore 14.00 al numero 0432 548191.

  aggiornato il 10.08.2012